La vignarola (di Elly)

Inserito il 14 aprile 2009 da  
Categorie: Contorni, Lazio

1 commento

0 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 50 votes, average: 0,00 out of 5
Devi essere registrato per poter votare.
Loading ... Loading ...

vignarola

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di piselli freschi (peso lordo) da sgranare
  • 7-8 baccelli di fave fresche da sgranare
  • 1 carciofo (della varietà “mammola”)
  • 5-6 punte di asparagi
  • 1 patata (oppure 2 patate novelle)
  • 1 zucchina
  • 1 cipollotto fresco
  • 2 fette di prosciutto crudo
  • Olio d’oliva, maggiorana tritata, sale e pepe q.b.

La Vignarola è un piatto tipico della cucina dell’alto Lazio, fatto con verdure fresche primaverili (la ricetta originale prevedrebbe anche aglio fresco, lattuga, fichi selvatici…), e si chiama così perché alcune delle verdure utilizzate venivano coltivate tra i filari delle viti; una volta, aggiungendo pancetta di maiale a dadini, costituiva un vero e proprio secondo.

In un tegame mettere a scaldare l’olio e rosolarvi il prosciutto tagliato a listarelle; aggiungere il cipollotto tritato finemente (anche la parte verde) e farlo appassire. Aggiungere le verdure in ordine di cottura: piselli e fave sgranate, queste ultime andrebbero anche spellate, il carciofo tagliato a fettine, la patata a cubetti, le punte degli asparagi e la zucchina a pezzi. Insaporire con sale e pepe, aggiungere la maggiorana tritata, coprire con un coperchio (mescolando di tanto in tanto affinché le verdure non si attacchino al fondo, eventualmente aggiungere un poco di vino bianco secco e/o acqua riscaldati) e lasciar cuocere a fuoco lento fino a quando le verdure saranno tenere ma non sfatte.

La vignarola deve essere servita tiepida come contorno ma va benissmo anche come antipasto.

 

 

 

Commenti

Un commento a “La vignarola (di Elly)”
  1. massimo scrive:

    Grazie Sandra, la vignarola è veramente un ottimo piatto, un pò dimenticato (come molti piatti della cucina “regionale”), peccato che non si possa gustare tra i filari come facevano i contadini. Le foto sono buone, quindi le pubblichiamo così come sono. Aspettiamo nuove sorprese!
    Massimo

Lascia un commento

Dicci cosa ne pensi...
se vuoi un'immagine personalizzata nei tuoi commenti, crea il tuo gravatar!

Devi essere registrato per inserire un commento.